Il mio pensiero

Salve a tutti mi chiamo Maurizio Costanzo, omonimo del famoso giornalista che entrò in tutte le case degli italiani negli anni ’80…

Ho cominciato a pensare di aprire un blog per poter scrivere quello che è diventato con il tempo la radice del mio pensiero di vita e di come, attraverso la fortuna di poter trattare molte persone in ambulatorio, sia riuscito ad elaborare una forma di pensiero assolutamente neutra e acritica di modo che il ragionamento logico, supportato dalla scienza, venisse in aiuto all’essere umano.

Le informazioni da me apprese durante il mio percorso di studi mi hanno portato ad avere una nutrita serie di dubbi e perplessità nel lavoro che stavo facendo.

Non riuscivo mai a capire cosa veramente dovevo fare per arrivare ad aiutare in maniera permanente la persona che si era affidata a me, da qui la continua ricerca per colmare questo elemento mancante nella mia condotta terapeutica.

Finito il percorso Osteopatico di 6 anni a Roma, cominciai a voler comprendere realmente ciò che stavo studiando senza l’assillo di avere un esame valutativo sul grado di preparazione che avevo… e qui ho cominciato a capire per prima cosa che l’anatomia che si studia oggi è ASSOLUTAMENTE vecchia rispetto alle conoscenze acquisite ad oggi nel 2018!!!

In pratica nessuno affronta l’anatomia di relazione e le descrizioni che si danno, nella maggior parte dei casi, sono tediose e di classificazione come un elenco della spesa che devi ripetere a memoria…

Ma noi sappiamo che il nostro processo di apprendimento non è così e che ha uno sviluppo di tipo RADIALE e non LINEARE (radiale= che va’ in tutte le direzioni).

Mentre la scuola forma le nostre menti con un linguaggio distante anni luce dalla realtà delle cose, fatta di credenze e convincimenti che tutte le informazioni che stanno scritte sui libri siano verità assoluta…

Un semplice esempio: ad oggi nelle scuole universitarie i professoroni di anatomia enunciano un postulato assolutamente sbagliato “i neuroni del cervello terminato il loro processo di maturazione non si rigenerano”…. boom!!! tiè, e chi si è visto si è visto chiaro????

Questo è l’ambiente in cui viviamo…

Mentre invece si sa con estrema certezza che la neurogenesi di questi neuroni sono in almeno 2 zone del cervello: zona subgranulare del giro dentato dell’ippocampo e l’altra sotto i ventricoli laterali dove scorre il liquido cefalo rachidiano…

E voi direte ma che paroloni!!! Ed io vi rispondo che i paroloni servono semplicemente a farvi capire di che zona stiamo parlando.

Un po’ come dire che Siracusa si trova nella costa sud-orientale della Sicilia, solo che nel caso dell’anatomia parliamo del vostro cervello e credo sia più importante!!!

Detto questo vorrei farvi comprendere che studiare ha una derivazione etimologica molto interessante e cioè significa “ciò che ti rallegra”…

Pensa te, il Dr Costanzo che mi dice che studiare mi rende felice…

E difatti è così.

Ed io studiando la PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia e scienza della cura integrata), la Biochimica intesa come interazione ormonale con l’ambiente in cui viviamo, le neuroscienze prendendo la parte descrittiva e non la teoria riduzionista che sta alla base della disciplina, le discipline corporee che sono state descritte molto bene in un libro PNEI anche da colleghi osteopati, la chimica degli alimenti e le possibili interazioni ormonali con l’individuo, gli studi anatomia su dissezione umana a Parigi, i corsi di aggiornamento di osteopatia con Osteopati di livello mondiale, gli studi di Epigenetica, mi sono reso conto che manca il giusto messaggio da dare all’essere umano per ESSERE FELICI.

Inteso come uno stato dinamico di ricerca di equilibrio attraverso le varie componenti della vita (ambientali lavorative, familiari, interne al corpo, come approvvigionamento per utilizzare l’energia chimica dei cibi, psicologiche passate -genitori presenti -figli, compagno/a future -essere nonni, malattie etc….)
Ottimi libri ce ne sono ci mancherebbe!!!

Infatti da questo libri su cui mi sono formato e mi formo continuamente ho elaborato questa idea che prenderà il nome di

“Consorzio della Salute” inteso come l’unione di uno (il sottoscritto) con più individui o enti per una fine comune (la salute delle persone).

Perché la salute delle persone???
Semplice!! Perché a nessuna industria importa molto della salute dell’individuo.

Dietro a questa facciata ipocrita si nasconde un semplice e mero utile economico-commerciale. Stop, tutti qui, niente di più.

L’individuo del nostro tempo ha perso di vista l’unica ragione di vita che gli antichi Greci e Cinesi conoscevano molto bene: prendersi cura di sé.

Inteso come mettere al primo posto delle necessita sé stessi attraverso la corretta alimentazione (e dopo ci arriviamo), le discipline corporee come la meditazione (da œ che è la traduzione greca di meléte che significa “cura, attenzione, esercizio”), la gestione dello stress e la piena consapevolezza del proprio IO attraverso la conoscenza e lo studio (ricordate??? ciò che vi rallegra…), la ricerca attiva delle proprie abilità artistiche o intellettuali o sportive etc…

Tutto questo determina una liberazione dalla schiavitù del pensiero imperante che prendete in maniera passiva senza nessuno spirito acritico, ingabbiati dai vostri automatismi, sopraffatti dal dover sopravvivere perché “così ci è stato insegnato e detto…”

Naturalmente questo è solo l’inizio della spiegazione, ci sono molte cose interessanti che chi vorrà potrà leggere e studiare e perché no iniziare a comprendere i meccanismi di questo meraviglioso mondo che vibra, pulsa, vive…

A presto!!!